News

Contribuenti minimi: 2° acconto IRPEF entro il 30.11.2017

Per i soggetti in regime dei contribuenti minimi, ai sensi dell’articolo 27, comma 1, D.L. n. 98/2011 il reddito di lavoro autonomo/impresa è assoggettato ad un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali in misura pari al 5%.  L’imposta sostitutiva viene liquidata (anche in acconto) con le stesse modalità e termini previsti per i soggetti IRPEF e pertanto l’eventuale debenza di acconto si determina nel seguente modo: acconto non dovuto: qualora l’imposta dovuta (rigo “Differenza”, quadro LM) sia pari o inferiore ad € 51,65; acconto in unica soluzione, qualora l’imposta dovuta (rigo “Differenza”) sia superiore ad € 51,65 ma non ad € 257,52. In tal caso l’acconto è dovuto nella misura del 100%, da versare entro il 30 novembre; acconto in due rate, qualora l’imposta dovuta (rigo “Differenza”) sia superiore a € 257,52: 40% entro il 20 giugno (21 luglio con maggiorazione dello 0,40%); 60% entro il 30 novembre. Il pagamento degli acconti dell’imposta sostitutiva per i contribuenti minimi va effettuato con i seguenti codici tributo, istituiti con Risoluzione 25 maggio 2012, n. 52: “1793” per la prima rata di acconto; “1794” per la seconda o unica rata di acconto. Il versamento del secondo acconto non è rateizzabile.I contribuenti che fuoriescono dal regime agevolato dei contribuenti minimi risultano soggetti ad IRPEF soggetti ad imposta sostitutiva al 15%, se gli stessi accedono al regime forfetario. Nel primo caso, considerando il meccanismo di scomputo previsto nel quadro RN, Mod. REDDITI PF, i soggetti fuoriusciti dal regime versano l’acconto dell’imposta sostitutiva (ancorché per lo stesso periodo siano soggetti all’IRPEF) che successivamente verrà fatta “confluire” nell’IRPEF. In sostanza, tali contribuenti versano l’acconto 2017 utilizzando i codici tributo previsti per l’imposta sostitutiva e dovranno indicare quanto versato a tale titolo a rigo RN38, colonna 4, Mod. REDDITI 2018 PF. Tali soggetti possono però scegliere di non versare affatto l’acconto dell’imposta sostitutiva, posto che non saranno più soggetti a tale imposta. L’eventuale versamento va effettuato:  a titolo di acconto utilizzando i codici tributo “1793” (prima rata) e “1794” (seconda o unica rata); del saldo 2016 utilizzando il codice tributo “1795”. Nel secondo caso, i contribuenti che fuoriescono dal regime dei minimi(ad esempio, a partire dal 1° gennaio 2017) e adottano il regime forfetario, determineranno il reddito 2017 in via forfetaria secondo le modalità illustrate dalla norma istitutiva, ed assoggettando lo stesso ad imposta sostitutiva con aliquota del 15%. Si ritiene sia possibile versare in tal caso con i codici tributo relativi al regime dei minimi (“1793”, “1794”, “1795”). I contribuenti che sono usciti dal regime dei minimi dal 2017 e hanno applicato il regime ordinario, se nel corso del 2017 versano l’acconto dell’imposta sostitutiva del 5% (cod. tributo “1793” e “1794”), possono scomputare quanto versato dall’IRPEF dovuta per il 2017 indicando tali somme a rigo RN38, col. 4.

Tutte le News

Copyright © 2017 Studio Maiese - P.IVA 00296961204 - Crediti

Per continuare la navigazione nel sito, devi accettare la nostra informativa sui cookies maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close