News

Esenzione IVA: non spetta per i test diagnostici per controlli su assunzione stupefacenti

Con Risposta a interpello n 34 del 19 gennaio 2022 le Entrate chiariscono che i test diagnostici in vitro che effettuano controlli a campione relativi all’assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope non sono finalizzati al contrasto del Covid-19, dunque, le relative cessioni prevedono la corresponsione dell’aliquota IVA al 22%. L’ente istante ha acquistato con ordinativo sul mercato elettronico della pubblica amministrazione, 2750 test diagnostici in vitro, necessari per effettuare controlli a campione relativi all’assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope, prevedendo la corresponsione dell’aliquota IVA al 22%. Il fornitore in sede di fatturazione ha applicato l’aliquota IVA al 5%, sulla base di quanto riportato nella circolare n. 26 del 2020 che commenta, tra l’altro, la disposizione di cui al n. 1-ter.1, inserito alla Tabella A, parte II-bis del d.P.R. n. 633 del 1972. Tale disposizione individua l’elenco dei prodotti che beneficiano dell’aliquota IVA del 5%. L’istante chiede che vengano fornite indicazioni circa la corretta aliquota Iva da applicare nel caso in esame, tenuto conto che i beni approvvigionati non sono finalizzati al contrasto della pandemia dovuta al covid-19. Le Entrate concordano con l’istante sottolineando che i test diagnostici di cui si tratta non sono ricompresi nell’elenco tassativo.In particolare, il l’articolo prevede che alla Tabella A, parte II-bis, allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, dopo il numero 1-ter, è aggiunto il seguente 1-ter. che elenca tutti i beni a cui è applicata l’IVA al 5%: «ventilatori polmonari per terapia intensiva e subintensiva; monitor multiparametrico anche da trasporto; pompe infusionali per farmaci e pompe peristaltiche per nutrizione enterale; tubi endotracheali; caschi per ventilazione a pressione positiva continua; maschere per la ventilazione non invasiva; sistemi di aspirazione; umidificatori; laringoscopi; strumentazione per accesso vascolare; aspiratore elettrico; centrale di monitoraggio per terapia intensiva; ecotomografo portatile; elettrocardiografo; tomografo computerizzato; mascherine chirurgiche; mascherine Ffp2 e Ffp3; articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie quali guanti in lattice, in vinile e in nitrile, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione, calzari e soprascarpe, cuffie copricapo, camici impermeabili, camici chirurgici; termometri; detergenti disinfettanti per mani; dispenser a muro per disinfettanti; soluzione idroalcolica in litri; perossido al 3 per cento in litri; carrelli per emergenza; estrattori RNA; strumentazione per diagnostica per COVID-19; tamponi per analisi cliniche; provette sterili; attrezzature per la realizzazione di ospedali da campo». Le Entrate ribadiscono che considerata la formulazione della norma e l’eccezionalità della stessa, l’elenco di cui al comma 1 dell’articolo 124 ha natura tassativa e non esemplificativa e solo i beni ivi indicati possono essere ceduti sino al 31 dicembre 2020 in esenzione da IVA e con applicazione dell’aliquota IVA del 5 per cento a 6 decorrere dal 1° gennaio 2021, pertanto ai test diagnostici in vitro, necessari per effettuare controlli a campione relativi all’assunzione di sostanze stupefacenti e psicotrope va applicata l’IVA ordinaria.

Tutte le News

Informativa sui Cookie | Informativa sulla privacy | Crediti
Maiese & Partners - Via Rubbiani, 6/2 - 40124 Bologna - P.Iva 03867651204 - Email: studio@maiese.it

Per continuare la navigazione nel sito, devi accettare la nostra informativa sui cookies maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close